lotta armata

5 giugno 1975…Addio Mara

  • giugno 5, 2014 2:05 pm

Anche quest’anno qualcuno ha portato dei fiori per Mara Cagol erano rossi, erano rose rosse e le ha lasciate lì solo per ricordare che non bisogna più che il sangue scorra invano Anche quest’anno qualcuno ha portato dei fiori per te erano rossi di rosso desiderio Sulla collina riecheggiano gli spari di una giustizia che non ci appartiene di collina in collina soffia un vento pesante tutto sembra distante, ma tu sei vicina. Anche quest’anno qualcuno ha portato dei fiori per Mara Cagol erano rossi, erano rose rosse un attimo prima non c’erano l’attimo dopo eccole lì sono come apparse…

È meglio morire in piedi che vivere in ginocchio: addio Subcomandante Marcos,

  • maggio 28, 2014 12:31 pm

Questo testo che segue è secondo me uno dei migliori insegnamenti di cosa significa essere un leader politico, l’uscita di scena del  Subcomandante Marcos da oltre 20 anni al comando dell ‘ EZLN (Ejército Zapatista de Liberación Nacional)  movimento rivoluzionario marxista, libertario e indigenista, formato sostanzialmente da indios discendenti dei Maya che lottano da secoli per i diritti delle popolazioni native che abitano le terre colonizzate dai conquistadores, il leader carimastico uccide il suo personaggio, perchè non è piu’ necessario “ora esiste una generazione che poteva guardarci, ascoltarci e parlarci senza bisogno di guida o leadership, né pretendere obbedienza”. Allora,…

Comandanta Laura Villa delle FARC-EP: per produrre cambiamenti fondamentali bisogna prendere decisioni radicali

  • maggio 7, 2014 5:34 pm

foto di Prensa Latina testo di Ida Garberi “La nostra lotta rivoluzionaria è giusta ed improrogabile, e pertanto impossibile da sconfiggere”. Manuel Marulanda Velez  Il fatto di vivere a Cuba e soprattutto a L’Avana mi ha dato, più di una volta, il privilegio di conoscere persone molto speciali che stanno scrivendo le pagine della storia dell’America Latina. Questa volta sono i compagni e le compagne, guerriglieri e guerrigliere delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia – Esercito del Popolo (FARC-EP), impegnati nella capitale cubana negli accordi di pace per Colombia, un paese afflitto da una guerra civile dal lontano 1948, quando…

Il prof. De Tormentis e la pratica della tortura in Italia

  • aprile 22, 2014 12:41 pm

  La rivista Diritto penale contemporaneo dedica un’articolo di commento alla sentenza della corte d’appello di Perugia che il 15 ottobre scorso ha riconosciuto, durante il giudizio di revisione della condanna per calunnia inflitta a Enrico Triaca per aver denunciato le torture subite dopo l’arresto nel maggio 1978, l’esistenza sul finire degli anni 70 e i primissimi anni 80 di un apparato statale della tortura messo in piedi per combattere le formazioni politiche rivoluzionarie che praticavano la lotta armata. «Più che alla ricerca di verità giudiziarie – si spiega nel testo – questa sentenza deve piuttosto condurre ad essere meno…

Rapimento Moro, ma quali servizi sulla moto Honda di via Fani c’erano due giovani che abitavano nel quartiere

  • aprile 4, 2014 11:44 am

Sulla motocicletta Honda che la mattina del 16 marzo 1978 transitò in via Fani, pochi minuti prima che scattasse l’attacco delle Brigate rosse contro la scorta del presidente della Democrazia cristiana Aldo Moro, non c’erano uomini del Sismi ma due giovani del quartiere. I loro nomi, come ha ricordato recentemente un articolo apparso su Contropiano, sono noti da tempo alla magistratura: identificati dalla Digos nella primavera del 1998 chiarirono la loro posizione davanti al pubblico ministero Antonio Marini. Nonostante la circostanza fosse stata ampiamente chiarita 16 anni fa, non si è esitato a rilanciare sull’Ansa un nuovo depistaggio, partendo da…

“I misteri sul caso Moro? Una miniera per truffatori…”

  • marzo 25, 2014 9:08 pm

Per la milionesima volta la misteriologia sul sequestro e la morte di Aldo Moro è ricomparsa sui giornali. E soltanto lì voleva tornare. Possiamo dirlo con certezza, perché il nuovo fornitore di “scoop” si è rivolto all’agenzia di stampa Ansa, mica alla magistratura… Come sarebbe stato logico per un normalissimo cittadino. Figuriamoci per un ex ispettore della Digos torinese, tale Enrico Rossi, ora in pensione (“nonostante la giovane età”, chiosa il sempre prudente Giovanni Bianconi, sul Corriere della sera, uno dei giornalisti italiani con più esperienza in materia di processi per lotta armata). La vicenda recente è semplice: quattro anni…