banche e speculatori

Le “caste italiane”

  • ottobre 22, 2012 1:21 pm

A come ASSICURAZIONI.

Discriminazione territoriale per costi e risarcimenti. Premi annui RCA che costano più dei veicoli assicurati. Indennizzi e risarcimenti resi dopo molti mesi, senza penalizzazioni da parte dei magistrati per lite temeraria. Mancata concorrenza con impedimento di fatto del plurimandato assicurativo per agenti e subagenti. Indennizzo diretto per agevolare il monopolio di avvocati e carrozzieri.

A come AUTOTRASPORTATORI.

L’ultimo blocco dei tir, nel dicembre 2007, è durato 72 ore con le autostrade paralizzate, gli scaffali dei supermercati vuoti e un conto, per i consumatori, di 1 miliardo di euro al giorno. Alla fine i dieci piccoli indiani, le sigle sindacali della categoria, hanno vinto la partita: una mancia natalizia di 70 milioni di euro in Finanziaria e la riforma dell’autotrasporto rinviata.

A come AVVOCATI, i veri potenti d’Italia.

E’ un’altra casta: influenti, ricchi, intoccabili, il cui accesso alla professione è uno scandalo. Un libro svela segreti e bugie dell’olimpo professionale italiano. “Non voglio un avvocato che mi dica quello che non posso fare. Lo assumo perché mi suggerisca come fare quello che voglio”. Lo ha detto John Pierpont Morgan, fondatore della Jp Morgan, una delle più grosse società finanziarie al mondo

La finanza solidale

  • ottobre 22, 2012 1:12 pm

 

Un incontro a porte chiuse con 150-200 esponenti della borghesia milanese che potranno tastare con mano la preparazione economica del candidato alle primarie del Pd Matteo Renzi. E anche un modo per allontanarsi dalle polemiche delle ultime ore: «Trovo ingiusto che il quotidiano fondato da Antonio Gramsci scriva che rottamazione è una parola fascistoide. Sentirsi dare del fascista è inaccettabile», ha replicato Renzi all’Unità. L’idea del dibattito, con le regole della Chatham House – secondo le quali i partecipanti sono liberi di utilizzare i contenuti ascoltati nell’incontro ma senza attribuirli ad alcuna fonte specifica – è del gestore Davide Serra, fondatore dell’hedge fund londinese Algebris. Il quale, come privato cittadino, sta supportando Renzi nella stesura della parte economica del suo programma con cui, se batterà Bersani, si presenterà alle elezioni della prossima primavera. A far scattare la scintilla tra i due è stata la comune partecipazione in gioventù al mondo degli scout, una scuola di vita secondo entrambi. All’invito di Serra questa sera risponderanno uomini e donne della finanza, imprenditori, avvocati, tra cui anche qualche nome ben conosciuto.